ANIMALI FANTASTICI...anche troppo

weekend e magia


Eccole lì le mie cuffie. Oggi mi metto nel letto con i soliti tre cuscini a reggermi la schiena e il computer sulle gambe, mentre lascio scegliere la playlist al mio telefono. Mi serve un po' di musica che faccia riflettere, dal ritmo incalzante e dal sound pieno, preferibilmente con molti bassi. Alla ricerca di vibrazioni che scuotano il cervello e i suoi mille pensieri.

Quando le serate vanno così, ogni testo può andare bene... sarai te stesso ad attribuirgli un significato. Inglese o Italiano non fa la differenza. Anzi, mi è capitato a volte di ascoltare una canzone in inglese, non capirci assolutamente nulla  ma poi, a di stanza di tempo, scoprire che era più che azzeccata. Certe cose le capisci al volo, punto e basta, è amore al primo ascolto..

Oggi mi sento così, senza colori e senza ritmo. Sarà forse il weekend e anche il fatto che durante la settimana non ho mai tempo per pensare, ma in questi ultimi due giorni si concentrano tutti i pensieri più brutti in antitesi con la leggerezza che, invece, si dovrebbe provare. Unica nota positiva forse è la pasta al forno della domenica, è la nonna a capire davvero quanto tu sia sciupato ( sempre ).

Forse è l'unica che riesce a vedere oltre quel finto sorriso che porti sul tuo viso.  È come se riuscisse a vedere i mostri che ti svolazzano quando pensi a rivoluzioni impossibili, cambi di stile di vita, idee da concretizzare... Uno scatolone dove si buttano  "cose che non vanno" e che nel weekend maledetto ti ritrovi a doverle affrontare per sperare di riuscire a metterle anche in ordine. 

Molto spesso mi porto il lavoro arretrato  anche il lunedì mattina che quasi sempre non è proprio una bella giornata. Anche se gli altri vedono sempre il tuo sorriso, dentro di te ci sono ancora tutti i mostri sparpagliati che stanno ancora tentando di rientrare nello scatolone. "Animali fantastici e dove trovarli" mi fa un baffo!

Ma finalmente sono sicuro di aver trovato una soluzione efficace a tutto questo caos. Mi sa che alzerò il volume e continuerò a sognare tentando di far prevalere il bene sul male . La musica è il miglior anticorpo che possa esistere e fortunatamente con lei ci lavoro tutta la settimana. Anche se è un po' da egoisti tapparsi le orecchie e fingere che vada tutto bene... ciò che manca in alcuni casi sono proprio quei momenti in cui ti senti propositivo e costruttivo, non tanto per te stesso ma per gli altri. Quando l'ambiente che ti circonda a sua volta sembra un set da film horror, in quel momento comprendi che le speranze di sopravvivenza sono pari a zero. Come a zero stanno anche gli stimoli che ti spingono ad andare oltre. Vasco direbbe " eh già, sono ancora qua "... ma lui lo dice con un tono di sfida nonostante le difficoltà, io lo dico con un po' di amarezza, mentre comincia a starmi tutto stretto , brancolando nel buio cercando l'uscita. 

Ma le cose cambieranno presto: la prima parte di questa rivoluzione è appena cominciata.

Si procede per gradi: questo è il momento della consapevolezza. Poi passerò alla reazione e poi ancora..si vedrà!

Ora spengo la luce e mi tuffo nel caldo del lettone.

 

To be continued...

 

Giuseppe

ASCOLTA UN PO' DI MUSICA


Condividi




Scrivi commento

Commenti: 0