Ecco come è nato Paranormal Creativity

Ciao sono Giuseppe Martiradonna e per parlarvi di Paranormal Creativity devo fare una piccolissima premessa.

Piu di dieci anni fa con un computer e un microfono mi tuffai nel mondo della radio.

 

Attraverso internet trasmettevo un programma, una semplice e banale classifica, poi è diventato qualcosa in più quando cominciai a coinvolgere amici e parenti. Chi più, chi meno entrò a far parte di una rete reale di collegamenti che attraverso la radio diventavano di giorno in giorno sempre più stretti. Gli ascoltatori erano poco più che una decina ma lo si faceva essenzialmente per divertimento; dopo scuola, cominciava la diretta e dopo la diretta cercavo di studiare soluzioni per migliorare la qualità delle trasmissioni. Il tempo che mi restava era dedicato allo studio sui libri.  In questi ultimi 5 anni ho avuto anche la fortuna di poter trasmettere nella radio della mia città e di condividere del tempo stupendo in onda 3 ore al giorno tutti i giorni. Certo è stato difficile abituarsi ai tempi, alla tecnica, alle esigenze commerciali che una radio, certamente più importante e grande della mia scartoffia, aveva. Ma la voglia di fare, sperimentare e migliorare è stata sempre più forte di me.

 

Oggi le cose sono un pochettino cambiate, ho lasciato quel microfono e ora mi sono rituffato nel caos stupefacente della mia vita ma sempre con la radio, fedele amica dalla quale non mi sono mai separato ( anche se fisicamente non trasmetto più, le antenne sono sempre pronte a captare segnali). Da questi segnali nasce la voglia di improvvisare, coinvolgere e ingegnarsi per poter comunicare sfruttando il talento...e oggi fortunatamente abbiamo i mezzi giusti per farlo e per poter migliorare. E qui finalmente possiamo parlare di Paranormal creativity che si propone ai "geni da paura" come catalizzatore di qualsiasi tipo di ingegno e vitamina contro il "non posso".

Da Febbraio a oggi ho avuto modo di conoscere persone fantastiche che cercano di costruire un mondo  all'altezza dei propri sogni; e non comprendo il motivo per cui un sogno non possa essere condiviso con altri. A volte con i discorsi che si fanno davanti ad un caffè si rasenta la follia si prospettano cose impossibili da realizzare... ma il vero genio creativo ha in mano gli strumenti giusti per poter cominciare a gettare le basi affinché possa accadere qualcosa.

 

Io una persona coraggiosa e creativa l'ho incontrata e si chiama Michele Balducci e in sé ha mille idee e tante passioni, tra le quali la musica.

Io ho dalla mia la radio, l'elettronica e la comunicazione.

È bastata una scintilla, uno sguardo d'intesa ed è nato un progetto che racchiude tutto questo.

 

Ci siamo lasciati con mille idee e ci siamo ritrovati per registrare, qualche giorno dopo il nostro primo incontro, la prima puntata di Paranormal Creativity.

Il risultato è stato un talk improvvisato di 10 minuti e musica, anch'essa improvvisata...nulla di scritto e nessuna intenzione, se non quella di condividere.

 

Essenziamente il carattere paranormale del progetto sta nel fatto che rendiamo reale e recuperiamo ciò che altri, in questo momento storico, con la tecnologia, stanno abbandonando, il confronto. Praticamente stimolare la condivisione di idee e farlo utilizzando i nuovi mezzi di comunicazione.

Crediamo fortemente che possa essere esteso a tanti altri giovani che hanno qualcosa da comunicare con il loro talento, qualsiasi talento... magari potete scriverci qui se vi va a info@youngears.com

 

Siamo certi che qualcosa si muoverà anche perché nuovi progetti in parallelo stanno nascendo.

 

Vorrei ringraziare il genio che mi accompagnerà per 4 settimane, Michele Balducci e grazie a voi se spenderete 10 minuti del vostro tempo per guardare i nostri video sul canale ufficiale di Young Ears . e seguici sulla nostra official page di Facebook.

Chi è Michele Balducci ?

è una persona con la testa fra le nuvole e che, a volte, pensa troppo...

Per il resto con la sua amica Greta, la sua chitarra, è capace di stupire e stupirsi !


Ti sei perso la prima puntata?


Scrivi commento

Commenti: 0